Fatturazione elettronica, modifica termini di emissione e trasmissione.

di CST

La circolare, datata 17 Giugno 2019, è stata fatta per chiarire i dubbi legati all’uscita del Decreto-Legge di Ottobre 2018. I temi trattano le novità che verranno introdotte dal 1° Luglio in materia di: Fatture immediate e fatture differite.

L’articolo 11 del d.l.n. 119 del 2018, va a modificare l’articolo 21 del decreto IVA, prevedendo per le fatture elettroniche emesse dal 1° Luglio 2019:

-          La possibilità di generare e trasmettere la fattura elettronica ‘’immediata’’ entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione, cancellando la necessità di emissione entro le 24 ore che sussisteva prima. La data del documento, quindi, sarà quella di effettuazione dell’operazione, mentre la data di emissione verrà assegnata automaticamente dal SdI e coinciderà con la data di invio della fattura

-          Le fatture elettroniche ‘’differite’’ potranno ancora essere trasmesse entro il 15 del mese successivo dall’effettuazione delle operazioni, a patto di indicare come ‘’data’’ quella dell’ultima operazione.

-          Le sanzioni per la errata o mancata trasmissione delle fatture elettroniche che non trovavano applicazione nel primo semestre 2019, rimarranno tali per i contribuenti che effettuano la liquidazione periodica dell’IVA con cadenza mensile fino al 30 settembre 2019.  Per gli altri soggetti le sanzioni entreranno a pieno regime dal 1° luglio.

 

L’articolo 12 del d.l.n. 119 del 2018, è andato anche a toccare l’articolo 23 del decreto IVA , e prevede:

-          Il contribuente è tenuto ad annotare nel registro specifico delle fatture emesse, nell’ordine di numerazione, entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni (con riferimento a tale mese).

 

 

 

Contattateci! Non esitate, chiamate oggi stesso il numero +39 02 70638242 e chiedete dell’area Sales oppure mandate un’email a: segreteria@csttech.it

KEEP IN TOUCH
Ho letto e accetto le condizioni del trattamento dei miei dati personali
contatto commerciale
Accetto le norme sulla privacy